Questa è una versione superata pubblicata il 2023-02-10. Visita la versione più recente.

Geomatica e conservazione: parametrizzazione di elementi unici e ripetuti

Autori

  • Barbara Scala Università degli Studi di Brescia
  • Andrea Adami Politecnico di Milano
  • Barbara Fazion Politecnico di Milano
  • Luigi Fregonese Politecnico di Milano
  • Giovanni Gualerzi

Parole chiave:

geomatica, conservazione, HBIM, Castiglione delle Stiviere, 3D scanning

Abstract

La conservazione programmata ha trovato nei sistemi HBIM un valido strumento di lavoro, nonostante la logica sottesa è apparentemente contrapposta. Una possibile convergenza scaturisce da uno sforzo geometrico per cogliere le caratteristiche dell’oggetto ed astrarne un modello ripetibile. L’operazione di astrazione nasce dalla nuvola di punti, prodotta attraverso sistemi a scansione 3D.

Il modello virtuale può diventare un aiuto nella progettazione di un intervento di conservazione se elaborato tenendo conto dei modi costruttivi tradizionali, dei materiali storici, dei comportamenti che possono scaturire in un’architettura espressione di una ricca stratificazione. Per garantire questi aspetti è fondamentale che il modello sia elaborato con la collaborazione di ricercatori di altre discipline, che si mettano a fianco del modellatore, per limare l’uniformità costruttiva propria del BIM, declinando il modello con sistemi parametrici. 

Il contributo vuole illustrare i primi risultati di una sperimentazione in corso riguardante la modellazione di sottotetti al Santuario di San Luigi Gonzaga a Castiglione delle Stiviere. Dallo studio è emerso come le coordinate derivate dal rilievo di una capriata sono poco utili, se non permettono, di capire come funziona, e quindi, di trasformarla in un sistema parametrico, adattabile ai diversi casi, rispondenti alle regole della tecnologia costruttiva. Lo sforzo di parametrizzazione delle capriate ha visto il contributo coordinato del rilevatore, del conservatore, dello strutturista e del modellatore 3D.

 

Geomatics and conservation: parameterization of unique and repeated elements.

Planned preservation has shown that HBIM (Historic Building Information Modelling) systems are a valuable tool, although the underlying logic seems opposed. A possible convergence results from a geometric effort to capture the features of the object and abstract a reproducible model. Abstraction takes place from the point cloud, produced by 3D scanning systems.

The virtual model can aid in designing a conservation intervention if it is elaborated on considering traditional building techniques, historical materials, and behaviours that may arise in an architecture that is an expression of rich stratification. To guarantee these aspects, it is essential that the model be elaborated with the collaboration of researchers from other disciplines, who stand alongside the modeller, to file the constructive uniformity proper to BIM, declining the model through parametric systems. 

The paper aims to illustrate the first results of an ongoing experiment concerning the modelling of attics at the Sanctuary of San Luigi Gonzaga in Castiglione delle Stiviere. From the study, it emerged how the coordinates derived from the survey of a truss are of little use if they do not allow to understand how it works, and therefore, to transform it into a parametric system, adaptable to different cases and responding to the rules of construction technology. The parameterization effort of the trusses saw the coordinated contribution of the detector, the conservator, the structuralist, and the 3D modeller.

 

Riferimenti bibliografici

Adami, A., Fregonese, L., Rosignoli, O., Scala, B., Taffurelli, L., and Treccani, D. (2019): Geometric survey data and historical sources interpretation for HBIM process: the case of Mantua cathedral façade, Int. Arch. Photogramm. Remote Sens. Spatial Inf. Sci., XLII-2/W11, pp. 29–35,

Antoldi F. (1817), Guida per il forestiero che brama conoscere le opere più pregevoli di belle arti nella città di Mantova, Mantova, pp. 15, 86.

Balestreri I., Coscarella C., Patetta L., Zocchi, D. (1997) I gesuiti e l’architettura. La produzione in Italia dal XVI al XVIII secolo, San Fedele edizioni, Milano.

Boschi R., Morrone R (a cura di) (1982), Paolo Soratini architetto lonatese, Brescia.

Breymann G. A. (1927) Trattate generale di Costruzioni civili. Vol II Costruzioni in legno e strutture murali di Otto Warth, Vallardi, Milano.

Brumana, R., Pracchi, V., Rinaudo, F., Grimoldi, A., Scaioni, M., Cantini, L., and Previtali, M. (2019): Preface: geomatics and restoration. cultural heritage: challenges, new perspectives and technolo-gy innovation. toward informative content models and beyond, Int. Arch. Photogramm. Remote Sens. Spatial Inf. Sci., XLII-2/W11, pp. 1–2,

Chiabrando, F., Lo Turco, M. and Santagati, C. (2017) ‘Digital invasions: From point clouds to histor-ical building object modeling (h-BOM) of a unesco WHL site’, in International Archives of the Pho-togrammetry, Remote Sensing and Spatial Information Sciences - ISPRS Archives.

Della Torre S., Mirarchi C., Pavan A. (2017), Il BIM per la conservazione rappresentare e gestire la conoscenza, in Ananke, Vol. 80, pp. 108-115

Farlenga F. (1979), Castiglione da salvare, Banca popolare di Castione delle Stiviere, Castiglione delle Stiviere.

Garozzo R., Santagati, C. and Lo Turco, M. (2019) ‘Information Models to Manage Complexity for an Integrated Knowledge Project’, Diségno, 4, pp. 225–236.

Gazzetta Mantovana 1782, Mantova, 24 maggio.

Lonati G. (1929), Note autobiografiche di Paolo Soratini, Toscolano.

Mazzoldi L. (1961), L’archivio dei Gonzaga di Castiglione delle Stiviere, Q. R.A.S., Roma.

Murphy, M., McGovern, E. and Pavia, S. (2009), "Historic building information modelling (HBIM)", Structural Survey, Vol. 27 No. 4, pp. 311-327.

Parizzi M. (2003) Architettura e arte dei Gesuiti, Mondadori, Milano.

Pirazzoli N. (1977), Una cronaca d'architettura di Giuseppe Antonio Soratini in Il Settecento a Ra-venna e nelle Legazioni (a cura di D. Berardi, P. Fabbri, C. Giovannini, N. Pirazzoli), Faenza, Faenza Editrice.

Sale G. (2001) Pauperismo architettonico e architettura gesuitica. Dalla chiesa ad aula al Gesù di Roma, Jaka Book, Milano.

Scaglia G., Prager F. D., Montag U., eds (1984) Taccola, Mariano di Jacopo detto il. [1427–1441] De ingegneis – liber primis leonis, liber secundus draconis, addenda, Wiesbaden, Ludwig Reichert Ver-lag.

Scudo G., Roncai L. (a cura di) (2002), Argille ghiaie pietre calci. Materiali da costruzione nella sto-ria del territorio mantovano, Mantova, tre lune edizioni.

Susani G. (1818), Nuovo prospetto delle pitture, sculture e architetture di Mantova e dei suoi con-torni, Mantova, pp. 15, 117, 122, 123.

Valeriani S. (2005), Monaci, dardi e colonnelli. Genesi e caratteristiche delle capriate italiane, in Atti del IV Congresso Nazionale di Storia delle Costruzioni, Cadice, 27-29 gennaio 2005, pp. 1039-1049

Vallery-Radot J., Le recuil de plans d’édifices de la Compagnie de Jésus conservé à la bibliotèque National de Paris, Roma 1960.

Zamperini E. (2019), Capriate e tetti di legno. Evoluzione tecnologica e tipologica delle strutture lignee di copertura in Italia (1800-1950), CLU, Pavia.

Archivi:

A.D.M.: Archivio Diocesano di Mantova

##submission.downloads##

Pubblicato

2023-02-10

Versioni

Fascicolo

Sezione

Articoli