Il riuso e la valorizzazione del patrimonio insediativo nei territori in contrazione. Il caso dei borghi abbandonati della Valle del Rio Pardu in Sardegna

Autori

  • Martina Porcu Università degli Studi di Cagliari
  • Sergio Serra Università degli Studi di Cagliari

Parole chiave:

spopolamento, valorizzazione, abbandono, aree interne, paesaggio

Abstract

Il sistema insediativo che domina la Valle del Pardu, nella Sardegna orientale, da sempre caratterizzato da un precario equilibrio idrogeologico, registra da tempo un processo di progressivo spopolamento, aggravato dal susseguirsi di fenomeni franosi, che hanno condotto al completo abbandono i borghi di Gairo e Osini, a seguito della violenta alluvione negli anni Cinquanta del secolo scorso. Attualmente diventati borghi fantasma, essi conservano un patrimonio edilizio in disuso, allo stato di rudere, invaso da vegetazione spontanea. Tale condizione, se da un lato rappresenta un fattore di forte rischio per la perdita della componente materica, dall’altro contribuisce a mantenere inalterato il rapporto di stretta armonia con il paesaggio che lo circonda. L’impianto insediativo conserva le tracce della matrice medievale originaria, caratterizzata da un costruito organico e compatto, risultato di stratificazioni storiche, che costituisce una realtà ricca di valori tangibili e intangibili da salvaguardare. Tali caratteri, resi inediti e in continua evoluzione dalla condizione di abbandono, presentano rilevanti potenzialità per ridurre lo squilibrio tra aree interne, soggette a processi di marginalizzazione e spopolamento, e ambiti costieri, che registrano una pressione abitativa crescente, con evidenti fenomeni di polarizzazione insediativa. Il contributo riflette sulla prospettiva di recupero e di valorizzazione della “rovina” in uno scenario di fruizione del capitale ambientale e territoriale e di sviluppo locale sostenibili, dal punto di vista sociale ed economico, coerente con le politiche per le aree fragili e marginali.

##submission.downloads##

Pubblicato

2024-06-19

Fascicolo

Sezione

Articoli